Aeramax: dove non può mancare?

Piccolo ma grande: il nuovo depuratore Aeramax Pro Am II
23 Novembre 2020
AERAMAX: tre modi di sanificare
1 Dicembre 2020

La presenza del sanificatore d’aria Aeramax è essenziale in molti ambienti pubblici e privati. La Fellowes Brands, dopo anni di esperienza nel settore della purificazione degli ambienti, ha creato AeraMax Professional adatto soprattutto agli ambienti di lavoro.

La sua principale caratteristica è il filtraggio a quattro stadi. Calcolando che una persona in media respira quasi 11.000 litri di aria al giorno e spesso quest’aria, essendo condivisa con altre persone, è ricca di patogeni, è molto importante effettuare una pulizia a fondo della stessa. L’aria che respiriamo è infatti contaminata da:

  • virus
  • batteri
  • allergeni
  • composti organici

Chiaramente all’aperto l’aria (salvo presenza di inquinamento) è più pulita, ma purtroppo pochi si possono permettere di stare h24 in ambienti aperti e privi di sostanze inquinanti. I luoghi nei quali non può mancare Aeramax sono di sicuro:

  • uffici
  • hotel
  • palestre
  • centri estetici
  • ristoranti
  • bar/pub
  • centri ricreativi
  • ospedali

Il particolare filtraggio a quattro stadi è costituito da:

  1. pre-filtro che cattura tutte le particelle presenti
  2. filtro al carbone per assorbire gas e vapori chimici
  3. filtro Hepa Vero per intrappolare fino al 99,97% dei particolati
  4. Ionizzatore PlasmaTrue per migliorare il filtraggio dell’aria

Grazie inoltre al brevetto EnviroSmart è possibile scegliere due diverse modalità di filtraggio. Una prima modalità normale ed una silenziosa che gestisce la velocità in base allo spazio occupato, affinché il rumore dia meno fastidio in ambienti densi di presenza di persone.

× WhatsApp